Med: l’italia cacciatrice di squali

vigo.jpg

Centinaia di migliaia di squali vengono catturati ogni anno anche in Mediterraneo. Non espressamente per il commercio per le pinne di pescecane, ma per lo più accidentalmente. In Mediterraneo, l’Italia è il paese che cattura più squali: nel 2004 le catture registrate sono state di 1.061 tonnellate: un brusco calo rispetto a dieci anni prima, quando il pescato complessivo di squali e razze raggiunse il record di 16.500 tonnellate l’anno. Il calo non è buon segno: poiché lo sforzo di pesca è rimasto lo stesso, significa che, semplicemente, gli squali sono ormai troppo rari anche per finire negli ami e nelle reti. Ormai nessuno caccia di proposito gli squali: sono troppo pochi. Eppure finiscono accidentalmente nelle reti a strascico o sono catturati dai palangari d’altura per i pescespada e il tonno alalunga, o dalle reti derivanti illegali. Nonostante il bando di queste reti decretato dall’UE e dalla Commissione Generale sulla Pesca per il Mediterraneo, le reti derivanti vengono ancora utilizzate, tanto che fra il 2005 e il 2006 la Guardia Costiera italiana ne ha sequestrato per una lunghezza totale di 1400 km.

www.fao.org/docrep/005/x3690e/x3690e00.HTM

Advertisements

Un Commento

  1. francesco

    Ritrovate oggi 3 settembre 2013 tante uiva di squalo nel cilento precisamente a santa maria di castellabbate! come è possibile?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: