obiettivo spinarolo

spinarolo, foto Antonio VarcasiaPescasportivi a rapporto per aggiornare la mappa della presenza di questi squaletto nei mari italiani!

Nasce oggi Obiettivo Spinarolo, il nuovo progetto di ricerca di MedSharks e CTS Ambiente con la collaborazione della rivista Pesca in Mare e della FIPSAS. Oggi, 8 febbraio, saremo a Bologna al salone della pesca sportiva Fishing Show nel Salotto di Pesca in Mare per presentare questa iniziativa (ulteriore appuntamento domenica 10 febbraio, alle 11.30). Guarda la presentazione

Il nostro progetto è infatti legatissimo al mondo della pesca sportiva: l’esperienza di questi appassionati è fondamentale per capire la situazione attuale di questa specie nei nostri mari.spinarolo-on-display_400.jpgPerché lo spinarolo è a rischio: è iscritto nella Lista Rossa delle specie a rischio estinzione. In Mediterraneo è classificato “Endangered” mentre la situazione è addirittura più grave in Atlantico dov’è definito “criticamente in pericolo“. Sottoposto a una pesca intensiva, questo squaletto dalla vita lunga (70 anni!) e dalla riproduzione lentissima (ha una gestazione di due anni, fra le più lunghe del regno animale) è stato letteralmente spazzato via dai nostri fondali. Per saperne di più sullo spinarolo, leggi qui.

Ma qual’è la situazione attuale? I dati che hanno portato a questa classificazione sono ormai già vecchi. Per questo, per avere una fotografia della situazione attuale nelle acque italiane chiediamo la collaborazione dei pescatori sportivi.

Cosa fare – se sei un pescasportivo e hai voglia di darci una mano, leggi il questionario che trovi qui e manda una mail con le tue risposte a info @ medsharks.org (leva gli spazi, che ho messo per evitare di esser sommersa dallo spam). Ma soprattutto, la prossima volta che peschi uno spinarolo prendi nota di questi dati e poi inviaci le informazioni:

-data

– posizione

– profondità

– esca utilizzata

– quanti spinaroli hai pescato?

– li hai rilasciati?

maschio o femmina?– lunghezza squalo

– è maschio o femmina? (il sesso è facilmente riconoscibile, basta guardare il ventre dell’animale. Il maschio ha due organi sessuali ben visibili, come potete vedere da questa illustrazione)

Se hai fatto delle foto, mandacele allo stesso indirizzo: info @ medsharks.orgGrazie in anticipo della vostra collaborazione!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: